Terapia del sorriso

Terapia del sorriso
Terapia del sorriso

La figura del clown dottore è una figura che sposa, all’interno del suo operato, competenze di tipo artistico (quelle del clown, del mimo, l’affabulazione, l’uso  della marionetta, l’improvvisazione teatrale..) ed altre competenze di tipo psico-socio-sanitarie (psicologia dell’età evolutiva, psicologia relazionale, igiene ospedaliera, norme di sicurezza privacy..).
Il suo operato si colloca all’interno di contesti come ospedali, case di riposo, centri di ricovero, cura e riabilitazione per anziani, diversamente abili, minori, carceri, hospice etc.. nel rispetto dei contesti di riferimento ed in stretta collaborazione con l’equipe socio-sanitaria che vi opera.
Scopo del suo operato è creare una trasformazione graduale nello stato d’animo del paziente, favorire rielaborazione di vissuti dolorosi,
sdrammatizzare situazioni traumatiche, agevolare il personale nel rapporto col paziente, facilitare le procedure ospedaliere, specie quelle più invasive e dolorose per il bambino ospedalizzato, stimolare il pensiero positivo del paziente e riattivare il pensiero positivo.
Il clown dottore non svolge attività di animazione, ma mette in atto una coterapia di sostegno volta ad accogliere lo stato d’animo specifico del momento del paziente, dei suoi familiari e del personale socio-sanitario con cui collabora.
La risata che scaturisce dal bambino ricoverato (e da chi lo circonda) è frutto di passaggi graduali e calibrati, di ascolto empatico, dell’instaurarsi di un rapporto fiducia col paziente e di tecniche artistiche e comiche. Ricerche e studi, negli ultimi anni, hanno confermato l’efficacia terapeutica delle emozioni positive sia da un punto fisico che psicologico e di integrazione sociale; ma perchè la clowneterapia possa, realmente, rappresentare una terapia di sostegno ed una forma graduale trasformazione in positivo delle emozioni, il clown dottore deve ricevere una preparazione specifica, che tenga in considerazione gli ambienti in cui si opera e i singoli stati d’animo e le dinamiche che ivi si generano.
Oltre ad un’accurata formazione, il clown dottore riceve, dall’associazione di riferimento, un sostegno emotivo, attraverso la supervisione psicologica (tenuta da un professionista di settore) e momenti di riqualificazione professionale costante.
Il clown dottore operante all’interno delle associazioni aderenti alla FNC è tenuto a rispettarne il codice deontologico e il codice etico (vedi documenti).